itarzh-CNenfrderuestr

Balsele

Le Balsele sono guarnizioni rinforzate per tenuta di fluidi caratterizzate da un funzionamento di tipo automatico e costituite da un unico pezzo stampato e rettificato di precisione.

Sono disponibili in due differenti versioni B per steli e D11W per pistoni studiate per risolvere problemi di tenuta su apparecchiature idrauliche e pneumatiche funzionanti a medie ed alte pressioni quando la disponibilità di spazio risulta limitata.

Le principali caratteristiche delle guarnizioni Balsele sono:

-Ingombro ridotto

-Assenza di registrazione al montaggio ed in esercizio

-Costo limitato

Il tipo B è raccomandato per la tenuta su steli e pistoni con pressioni agenti in un solo senso.

La pressione minima di funzionamento in accordo con le tolleranze definite è di 250 Bar.

Per impieghi a pressioni più elevate o in presenza di giochi superiori a quelli ammessi, sono fornibili, a richiesta, in esecuzione speciale con anello antiestrusione incorporato.

Il tipo D11W è munito di anello di guida con funzione anche di antiestrusione ed è raccomandato per impieghi su pistoni  a doppio effetto sino a pressioni di 500 Bar.

 

Campi di impiego

Le Balsele per le particolari caratteristiche, vengono diffusamente impiegate per tenute su steli e pistoni di cilindri oleodinamici non soggetti a condizioni di funzionamento gravose (vibrazioni e disallineamenti), aste di distributori a cassetti, giunti girevoli (movimenti lenti e poco frequenti) ed in genere nell'applicazione su apparecchiature idrauliche e pneumatiche caratterizzate dalle seguenti condizioni di funzionamento:

-Temperatura: da -40 a + 130° C

-Pressione:da 0 a 250 Bar per il tipo B; da 0 a 500 Bar per il tipo D11W

-Velocità:≤ 0.5 m/sec.

-Fluidi:oli idraulici minerali, acqua, aria ed in genere tutti gli agenti atmosferici.

 

Struttura

1) Elemento di tenuta realizzato in mescola a base di elastomeri nitrilici con particolare resistenza alla deformazione permanente (compression set). Il profilo è caratterizzato da spigoli di tenuta rettificati con apertura angolare studiata per ottenere la maggiore resistenza all’usura e grande efficienza di tenuta.

2) Base rinforzata dell’elemento di tenuta costituita da tessuto di cotone opportunamente trattato e impregnato con mescole nitriliche; la base viene vulcanizzata co l’elemento di tenuta (1) così da formare un unico pezzo.

3 )Anelli di guida realizzati in resina acetalica permettono alla guarnizione di sopportare le più severe sollecitazioni.